Visualizzazione di 1-12 di 25 risultati

770,00

La tradizione toscana della terracotta ha radici lontane e nelle sue opere Donatella Nannipieri risale all’iconografia e alle forme dei manufatti etruschi e anche ellenistici, come le “Tanagrine”, statuette fittili policrome colte in momenti di intima quotidianità.

C’è la cultura classicheggiante, forse mediata attraverso lo studio delle opere di Marino Marini, Arturo Martini, Emilio Greco, Manzù e Amalia Ciardi Duprè.

Alla statuaria lignea medievale e rinascimentale, sono riconducibili una serie di figure stanti, volutamente immobili ma dagli sguardi intensi, come le Madonne intagliate da maestri non sempre noti e che hanno ornato gli altari delle nostre chiese. Il rosso della terracotta, talvolta patinata, dorata, o smaltata, crea il caldo tono che anima l’affollato Parnaso nella bottega che Donatella ha ereditato dal padre: qui le muse vedono la loro nascita e la loro realizzazione dalle sapienti mani fecondatrici della scultrice.

In questo caso ci troviamo davanti alla visione che Donatella Nannipieri vuole trasmetterci della donna, riproposta nella sua eleganza e dolcezza ma, al contempo, portatrice di quella “scintilla di futuro” che fu oggetto di una sua mostra personale al Comune di Livorno proprio nel mese della Festa della Donna del 2011.

1.040,00

Nella bottega paterna, il noto scultore Dino Nannipieri, Donatella ha appreso l’arte fin da piccola, vedendo il padre lavorare la creta trasformandola in figure, per lo più femminili e di varie dimensioni.

E’ stato del tutto naturale per lei, perciò, iniziare a giocare con quel materiale morbido per formare strani oggetti che con il tempo si sono trasformati in bambine, ragazze e donne mature, riflessive o intente in una attività, sedute o sdraiate.

La tradizione toscana della terracotta ha radici lontane e, nelle sue opere, Donatella risale all’iconografia e alle forme dei manufatti etruschi e anche ellenistici, come le “Tanagrine”, statuette fittili policrome colte in momenti di intima quotidianità.

Nella sua produzione si riscontra la cultura classicheggiante, forse mediata attraverso lo studio dei lavori di Marino Marini, Arturo Martini, Emilio Greco, Manzù e Amalia Ciardi Duprè.

Nel caso del gruppo scultoreo “Accordi di donne”, la scultrice ha voluto rappresentare un trio di donne musiciste, violoncello, contrabbasso e canto, nate dalla passione dell’artista per la musica, per il canto e per il suono magico degli strumenti ad arco, che ha voluto definire con le parole di M. De Cervantes nel suo “El ingenioso hidalgo don Quijote de la Mancha” : “Señora, donde hay musica no puede haber cosa mala“.

420,00

La tradizione toscana della terracotta ha radici lontane e nelle sue opere Donatella Nannipieri risale all’iconografia e alle forme dei manufatti etruschi e anche ellenistici, come le “Tanagrine”, statuette fittili policrome colte in momenti di intima quotidianità.

C’è la cultura classicheggiante, forse mediata attraverso lo studio delle opere di Marino Marini, Arturo Martini, Emilio Greco, Manzù e Amalia Ciardi Duprè.

Alla statuaria lignea medievale e rinascimentale, sono riconducibili una serie di figure stanti, volutamente immobili ma dagli sguardi intensi, come le Madonne intagliate da maestri non sempre noti e che hanno ornato gli altari delle nostre chiese. Il rosso della terracotta, talvolta patinata, dorata, o smaltata, crea il caldo tono che anima l’affollato Parnaso nella bottega che Donatella ha ereditato dal padre: qui le muse vedono la loro nascita e la loro realizzazione dalle sapienti mani fecondatrici della scultrice.

420,00

La tradizione toscana della terracotta ha radici lontane e nelle sue opere Donatella Nannipieri risale all’iconografia e alle forme dei manufatti etruschi e anche ellenistici, come le “Tanagrine”, statuette fittili policrome colte in momenti di intima quotidianità.

C’è la cultura classicheggiante, forse mediata attraverso lo studio delle opere di Marino Marini, Arturo Martini, Emilio Greco, Manzù e Amalia Ciardi Duprè.

Alla statuaria lignea medievale e rinascimentale, sono riconducibili una serie di figure stanti, volutamente immobili ma dagli sguardi intensi, come le Madonne intagliate da maestri non sempre noti e che hanno ornato gli altari delle nostre chiese. Il rosso della terracotta, talvolta patinata, dorata, o smaltata, crea il caldo tono che anima l’affollato Parnaso nella bottega che Donatella ha ereditato dal padre: qui le muse vedono la loro nascita e la loro realizzazione dalle sapienti mani fecondatrici della scultrice.

420,00

La tradizione toscana della terracotta ha radici lontane e nelle sue opere Donatella Nannipieri risale all’iconografia e alle forme dei manufatti etruschi e anche ellenistici, come le “Tanagrine”, statuette fittili policrome colte in momenti di intima quotidianità.

C’è la cultura classicheggiante, forse mediata attraverso lo studio delle opere di Marino Marini, Arturo Martini, Emilio Greco, Manzù e Amalia Ciardi Duprè.

Alla statuaria lignea medievale e rinascimentale, sono riconducibili una serie di figure stanti, volutamente immobili ma dagli sguardi intensi, come le Madonne intagliate da maestri non sempre noti e che hanno ornato gli altari delle nostre chiese. Il rosso della terracotta, talvolta patinata, dorata, o smaltata, crea il caldo tono che anima l’affollato Parnaso nella bottega che Donatella ha ereditato dal padre: qui le muse vedono la loro nascita e la loro realizzazione dalle sapienti mani fecondatrici della scultrice.

420,00

La tradizione toscana della terracotta ha radici lontane e nelle sue opere Donatella Nannipieri risale all’iconografia e alle forme dei manufatti etruschi e anche ellenistici, come le “Tanagrine”, statuette fittili policrome colte in momenti di intima quotidianità.

C’è la cultura classicheggiante, forse mediata attraverso lo studio delle opere di Marino Marini, Arturo Martini, Emilio Greco, Manzù e Amalia Ciardi Duprè.

Alla statuaria lignea medievale e rinascimentale, sono riconducibili una serie di figure stanti, volutamente immobili ma dagli sguardi intensi, come le Madonne intagliate da maestri non sempre noti e che hanno ornato gli altari delle nostre chiese. Il rosso della terracotta, talvolta patinata, dorata, o smaltata, crea il caldo tono che anima l’affollato Parnaso nella bottega che Donatella ha ereditato dal padre: qui le muse vedono la loro nascita e la loro realizzazione dalle sapienti mani fecondatrici della scultrice.

156,00

La scultura “La ballerina” appartiene a una fase della produzione della Nannipieri che si discosta da quella conosciuta e risulta antecedente; anche tecnicamente l’opera viene realizzata con il metodo antico dell’ingobbio e non del raku mentre, a livello figurativo, pare abbracciare fortemente la corrente realista: infatti inevitabile è il richiamo alla scultura in cera “La ballerina” di Degas.

Edgar Degas fu uno dei pochi pittori dell’Ottocento che, a un certo punto della sua carriera, rinunciò alla bidimensionalità offerta dalla tela e iniziò a ricercare soluzioni plastiche per le proprie problematiche figurative, nel segno di un rapporto più sincero con la materia. La sua ballerina colpisce proprio per il suo vibrante realismo, ottenuto grazie a una sapiente polimatericità: alla finzione della carne, infatti, si contrappone la «realtà» del tulle grezzo e del raso impiegati per gli altri elementi dell’opera, come il corsetto, il tutù e il nastro del fiocco.

La Nannipieri, come Degas, è alla ricerca di questa polimatericità che, al contrario dell’illustre predecessore, rende sapientemente con la punta e il colore, facendo vibrare nella forma frastagliata, il tutù che appare in movimento, in atto di posarsi dopo l’ultimo passo di ballo.

400,00

La tradizione toscana della terracotta ha radici lontane e nelle sue opere Donatella Nannipieri risale all’iconografia e alle forme dei manufatti etruschi e anche ellenistici, come le “Tanagrine”, statuette fittili policrome colte in momenti di intima quotidianità.

C’è la cultura classicheggiante, forse mediata attraverso lo studio delle opere di Marino Marini, Arturo Martini, Emilio Greco, Manzù e Amalia Ciardi Duprè.

Alla statuaria lignea medievale e rinascimentale, sono riconducibili una serie di figure stanti, volutamente immobili ma dagli sguardi intensi, come le Madonne intagliate da maestri non sempre noti e che hanno ornato gli altari delle nostre chiese. Il rosso della terracotta, talvolta patinata, dorata, o smaltata, crea il caldo tono che anima l’affollato Parnaso nella bottega che Donatella ha ereditato dal padre: qui le muse vedono la loro nascita e la loro realizzazione dalle sapienti mani fecondatrici della scultrice.

300,00

In questa opera Donatella Nannipieri rappresenta una scena adorabile: una madre intenta a giocare con il proprio bambino e bellissimo è il particolare del volto del bambino, ben visibile sul retro, che vuole dare un bacio alla mamma.

La donna rappresentata con suo figlio ripropone da sempre un sentimento di amore profondo, di legame indissolubile e quasi divino; nel corso dei secoli, infatti, la Maternità è stata simbolo di amore e di vita, dalle Madonne con Bambino dell’arte Medievale e Rinascimentale per arrivare ai secoli più recenti con un’immagine più laica, ma non priva di fascino e sentimento.

L’immagine della donna che dona la vita è emblema di valori veri, puri, di sentimenti di protezione ed appartenenza insiti in ogni essere umano, diventando spesso mezzo per sottolineare il legame di amore ed empatia che lega l’umanità tutta.

530,00

La scultura “Medea” del 2009 appartiene a quel ramo della produzione di Donatella Nannipieri in cui l’artista si cimenta nella raffigurazione di alcuni soggetti secondo la propria visione, reinterpretandoli e catturando l’emozione del momento che l’ha colpita osservandoli.

In questa scultura composta da due personaggi, Donatella Nannipieri ha voluto rappresentare la tragedia di Medea raccontata da Euripide, prendendo spunto da uno spettacolo teatrale svoltosi a Livorno, il cui libretto di sala raffigurava la scena di Giasone e Medea, avvolti dal dolore, sopraffatti da tutto quello che era loro capitato.

La scultrice riproduce la scena con vivido realismo espressivo, che va, però, a perdersi nell’assenza degli arti, come il rarefarsi dell’immagine di un ricordo, i cui contorni ed estremi risultano, col passare del tempo, meno nitidi.

E non è un caso che Donatella abbia scelto di rappresentare proprio Medea, portando avanti così il concetto contemporaneo delle sue “muse”.

Euripide, infatti, riesce nella difficile impresa di motivare psicologicamente una donna che è l’antitesi della ragione, affermandone la dignità, concetto che stava prendendo forma nell’Atene dell’epoca.

Medea dunque è ‘contemporanea’ perché unisce il tempo antico al nostro presente fino a interrogare la stessa attualità, l’oggi più urgente.

70,00

La tradizione toscana della terracotta ha radici lontane e nelle sue opere Donatella Nannipieri risale all’iconografia e alle forme dei manufatti etruschi e anche ellenistici, come le “Tanagrine”, statuette fittili policrome colte in momenti di intima quotidianità.

La ceramica, in edizione limitata, contrassegnata dal bollo di autenticità che riporta le iniziali dell’artista, rappresenta un omaggio al Natale da parte di Donatella Nannipieri, che ha deciso di far vivere le proprie “muse” all’interno di palline di Natale in ceramica smaltata.

Le “muse” sono ancelle dai volti intensi, compresse in sagome plastificate, meditative, sorridenti o inquiete, spesso imprigionate in profili geometrici.

Figure femminili immobili che occhieggiano alla poetica contemporanea di Amalia Ciardi Duprè.

90,00

La tradizione toscana della terracotta ha radici lontane e nelle sue opere Donatella Nannipieri risale all’iconografia e alle forme dei manufatti etruschi e anche ellenistici, come le “Tanagrine”, statuette fittili policrome colte in momenti di intima quotidianità.

La ceramica, in edizione limitata, contrassegnata dal bollo di autenticità che riporta le iniziali dell’artista, rappresenta un omaggio al Natale da parte di Donatella Nannipieri, che ha deciso di far vivere le proprie “muse” all’interno di palline di Natale in ceramica smaltata.

Le “muse” sono ancelle dai volti intensi, compresse in sagome plastificate, meditative, sorridenti o inquiete, spesso imprigionate in profili geometrici.

Figure femminili immobili che occhieggiano alla poetica contemporanea di Amalia Ciardi Duprè.