Visualizzazione di 4 risultati

440,00
Il mondo di COL3A1 è incentrato sulla figura femminile, che tratta con visionaria creatività; le sue donne sono emblema di un’epoca, un inno alla bellezza e alla parità dei diritti condotto senza perdere la peculiare forza seduttiva e attrattiva.
“Femme 2020” rappresenta una figura femminile in tre quarti caratterizzata da un trucco forte, dalle lunga ciglia e dal capello cortissimo, quasi strizzando l’occhio alla tipologia drag queen; lo sfondo è realizzato con caratteri di programmazione e la figura stessa sembra riportare sulla pelle il riflesso di un faro a led multicolore.

La raffigurazione può essere inserita nel così detto movimento del “femminismo digitale” che, grazie alla sua universalità, riscrive la natura del movimento  rendendolo sempre più accessibile e democratico.

Questo tipo di “femminismo 2.0”, secondo la scrittrice Kira Cochrane, apre le porte al dialogo e allo scambio in quanto sempre più inclusivo e collaborativo: i social media, infatti, hanno semplificato l’accesso all’informazione rendendo più efficace la divulgazione e ridefinendo le prospettive del dibattito femminista che diventa, quindi, maggiormente radicalizzato e istantaneo.

440,00
COL3A1 identifica al meglio il concetto di Mashall McLuhan, “The medium is the message”, che il critico d’arte Renato Barilli mette in relazione con la nascita dell’arte contemporanea, in cui l’artista diventa testimone del tempo e dello spazio che sta vivendo: così questa autrice emergente dialoga con il pubblico attraverso le proprie opere, esponendo i suoi pensieri, la sua visione dell’attuale realtà.
Nell’opera “La cura 2020”, utilizza, come successo per la successiva “Dontriade 2021”, tre personaggi ognuno di loro recante un messaggio ma, al contrario di “Dontriade 2021” che metteva in scena imposizioni e divieti, “La cura 2020”  risulta una produzione artistica di carattere esortativo.
Infatti, attraverso personaggi che paiono derivare direttamente da un murales di una periferia di una grande città, COL3A1 svela la cura per combattere omofobia, razzismo e xenofobia: l’istruzione.
440,00
Il mondo di COL3A1 è incentrato sulla figura femminile, che tratta con visionaria creatività; le sue donne sono emblema di un’epoca, un inno alla bellezza e alla parità dei diritti condotto senza perdere la peculiare forza seduttiva e attrattiva.
“Pandemia 2020” rappresenta una figura femminile, una ragazza, caratterizzata, così come tutta l’opera, da una colorazione grigia contraddistinta solo da alcuni tocchi di giallo dorato; alla televisione, alle sue spalle, la rappresentazione dell’untore secondo la raffigurazione utilizzata tra Cinquecento e nel Seicento per indicare chi si riteneva diffondesse volontariamente il morbo della peste spalmando in luoghi pubblici appositi unguenti venefici.
Tipico stile COL3A1, un chiaro intento provocatorio: le continue comunicazioni avvenute dai mass media durante il primo Lockdown fungevano da untori di paura per la popolazione, fortemente intimorita da un morbo, il COVID-19, di cui non si conosceva natura.
Take your heart 2020
440,00
Il mondo di COL3A1 è incentrato sulla figura femminile, che tratta con visionaria creatività; le sue donne sono emblema di un’epoca, un inno alla bellezza e alla parità dei diritti condotto senza perdere la peculiare forza seduttiva e attrattiva.
“Take your heart 2020”, attraverso immagini che potrebbero provenire direttamente dai murales della strada, sottolinea come ognuno di noi debba prendere in mano il proprio cuore per portare avanti i suoi ideali, questo sia nell’opporsi al giudizio di giovani ottusi e immobili nelle loro credenze come i giganteschi volti dell’Isola di Pasqua o nell’accogliere le posizioni di una giovane donna tenute per potersi affermare liberamente nella società.