Visualizzazione di 2 risultati

TRATTATIVA PRIVATA, CONTATTARE LA GALLERIA

 

In quest’opera originale di Laura Venturi, realizzata sapientemente con tecnica mista su tela, collage in rilievo e ausilio di colori forti e colpi di luce, l’artista ci proietta in quella che pare essere una visione sul futuro, considerando il mondo che ci circonda e le sue attuali problematiche.
Al centro si posiziona una sorta di vortice, un “tritatutto” che ha lo scopo di dilaniare tutto quello che sta attanagliando il pianeta e che è individuabile nei primi tre quadranti in senso orario: l’incendio della Foresta Amazzonica, l’inquinamento dei mari, l’uccisione senza controllo degli animali e lo scioglimento dei ghiacciai.
La visione dell’artista non è, tuttavia, una visione catastrofica ma di speranza, come rivelato nell’ultimo quadrante in alto a sinistra, in cui viene rappresentato un volo di uccelli liberi che si accompagna alla frase di Bob Marley, essenza di quest’opera “Non avere paura del domani perché in fondo oggi è quel domani che ti faceva paura ieri”.
440,00
Un altro aspetto che ha caratterizzato il progetto artistico di COL3A1 è la prospettiva verso il futuro, prospettiva che risulta alquanto nebulosa tenendo conto delle diverse incognite, quali il periodo che la società sta vivendo a livello mondiale e quello che l’artista sta vivendo personalmente.
Ma COL3A1 affronta la tematica nella sua solita maniera irriverente e sarcastica, rappresentando un mondo apocalittico: un super eroe in tuta attillata nera stile Diabolik con un teschio in mano, in chiaro atteggiamento shakespeariano (“essere o non essere” dall’Amleto) o ancora un richiamo al “Planet of the Apes” (Pianeta delle Scimmie) con un primate dubbioso che guarda il pianeta Terra distruggersi e infine un omaggio al noto film “L’invasione degli Ultracorpi” in cui a un uomo viene risucchiata la mente…
Che cosa potrà accaderci?
Non ci è dato sapere … ma sempre con ironia COL3A1 ci dona la risposta a tale quesito nel piccolo cartello al centro dell’opera: “Hasta la muerte!”.