Visualizzazione di 5 risultati

380,00

Zeno Travegan ha iniziato a dipingere pesci partendo dalla metafora del silenzio, elemento per lui fondamentale nella ricerca di un percorso da sviluppare ma anche desiderio da contrapporre ai fiumi di parole spesso inutili di questi tempi.

Poi le acciughe hanno preso il sopravvento ispirandogli un piacevole coinvolgimento grazie al loro dinamismo, al loro carattere “sfuggente” e soprattutto alla caleidoscopica rivelazione di mille colori e sfumature, dei riflessi veloci tra acqua e luce.

Nel ciclo “Anciue”, l’artista evidenzia ulteriormente la sua produzione caratterizzata da un vero e proprio ponte tra classicità e contemporaneità.

500,00

Zeno Travegan ha iniziato a dipingere pesci partendo dalla metafora del silenzio, elemento per lui fondamentale nella ricerca di un percorso da sviluppare ma anche desiderio da contrapporre ai fiumi di parole spesso inutili di questi tempi.

Poi le acciughe hanno preso il sopravvento ispirandogli un piacevole coinvolgimento grazie al loro dinamismo, al loro carattere “sfuggente” e soprattutto alla caleidoscopica rivelazione di mille colori e sfumature, dei riflessi veloci tra acqua e luce.

Nel ciclo “Anciue”, l’artista evidenzia ulteriormente la sua produzione caratterizzata da un vero e proprio ponte tra classicità e contemporaneità.

560,00

Zeno non si chiede mai cosa voglia dire un suo lavoro, semmai cosa possa dare agli occhi e al cuore di chi lo guarda.

La musica, tuttavia, gioca un ruolo sempre importante perché definisce le linee e accompagna la visione totale del quadro.

Come un sottofondo, un motivo.

Qualcosa che aiuti a sognare nel segno della curiosità.

L’opera, originale e pezzo unico d’autore, riporta l’autentica sul retro e la firma dell’artista (pseudonimo e anno) di lato a sinistra.

560,00

Zeno non si chiede mai cosa voglia dire un suo lavoro, semmai cosa possa dare agli occhi e al cuore di chi lo guarda.

La musica, tuttavia, gioca un ruolo sempre importante perché definisce le linee e accompagna la visione totale del quadro.

Come un sottofondo, un motivo.

Qualcosa che aiuti a sognare nel segno della curiosità.

L’opera, originale e pezzo unico d’autore, riporta l’autentica sul retro e la firma dell’artista (pseudonimo e anno) di lato a destra.

TRATTATIVA PRIVATA

Le composizioni di Bardhyl Alibali si aprono su vedute cittadine ma non è la resa fotografica dei paesaggi ciò che lo interessa.

I suoi colori netti e decisi, quasi violenti, sono i protagonisti assoluti dell’opera, nonché gli unici elementi che strutturano e animano la superficie del dipinto, come se ognuno di essi fosse una percezione o uno stato d’animo momentaneo che concorre a plasmare l’immagine raffigurata.

La resa realistica dell’oggetto è sostituita dalla visione che ne dà l’artista dopo averla filtrata attraverso la sua sensibilità, con impressioni materiche in cui il colore struttura le forme e modula lo spazio, in una infinita sequenza di vibrazioni e movimenti, che donano corpo, anima e vita.

L’opera “Urban landscape” è un originale e pezzo unico d’autore e l’autentica sul retro è composta dalla firma manoscritta dell’artista.